Arfchivio mensile: Agosto 2016

News dal mondo del marketing.

Andate in vacanza? Scattate molti selfie e fatevi pagare!

Dal selfie di EllenDeGeneres agli Academy awards 2014 è nata l’idea di farsi pagare la condivisione dell’autoscatto, oramai noto con il nome di Selfie. Se infatti quel selfie costò molto, un selfie fatto da non VIP, costerà molto meno, hanno pensato gli autori del progetto.

Tra poco, anche in Italia, sbarcherà “Pay your selfie”, una piattaforma tutta americana, ideata da Michelle Smyth.  Con Pay your selfie gli utenti possono scattarsi delle fotografie con i propri smartphone mentre usano certi prodotti, e ricevere in cambio dei soldi. Se vi state chiedendo chi sarebbe disposto a pagare per un selfie amatoriale è presto detto. Grandi aziende, come Procter & Gamble, hanno già aderito alla piattaforma tramite cui, le aziende recuperano dati importanti ai fini delle campagne marketing.

Gli utenti che vendono la loro immagine ricevono una cifra che va dai 20 centesimi al dollaro. Non si possono scattare più fotografie per la stessa consegna e, una volta accumulati 20 dollari di credito, gli utenti possono riscuotere i propri soldi. L’applicazione è stata lanciata nel settembre 2015 e i risultati sono stati sorprendenti a dire del Ceo Smyth. L’app ha avuto oltre 50.000 download negli Stati Uniti e sono stati caricati oltre 750.000 selfie.  Non male!