Arfchivio mensile: Ottobre 2017

Il Marketing: dalla P alla E

C’era un tempo in cui le 4 P del marketing erano un faro, un riferimento per tutti quelli che si occupavano di crescita di fatturato e di clienti per le aziende. Giusto per ricordarle un po’ erano: Product, Place, Price e Promotions erano i principi sintetizzati dal McCarty che poi, nel tempo, sono cambiati. Ma come?

Brian Fetherstonhaug in un suo articolo “The 4Ps are out, the 4Es are in” ha un po’ smosso le acque!
Vediamo come!

Da Product a Experience. In una parola, al centro non c’è più il prodotto, ma l’esperienza. Basterebbe ciò a chiudere il blog di oggi per essere certi che le aziende inizino a capire che avere delle buone scarpe non basta a venderle, fare una buona pizza non basta a venderla, realizzare ogni cosa ben fatta non basta a vendere! Sappiamo che non compriamo un’auto, ma l’esperienza di guidarla, non compriamo uno smartphone ma una connessione veloce con il mondo e così via. Oggi compriamo esperienze.

Da Place a Everyplace. Oggi la pubblicità è precisa, chirurgica. Le aziende sanno (o dovrebbero sapere) ciò che piace ai loro clienti e, più in generale, al loro target, attraverso i like, i cookie di navigazione, le abitudini di acquisto e le parole usate nei post o nelle recensioni. Oggi l’azienda sa benissimo quando inserire su una pagina “Acquista ora!” per facilitarti l’acquisto anche di notte perché con quell’oggetto la tua vita sarà migliore con un clic?
Da Price a Excange. E’ la vittoria assoluta del dettaglio! Non si compra l’oggetto ma il suo dettaglio, qualcosa che non potremmo avere se non avessimo l’oggetto principale! E’ un’emozione. E’ prima di tutto un’emozione.

Da Promotion a Evangelism! Stupendo. Ci cadono tutti perciò, Aziende, cosa state aspettando?

Rendete accattivante il vostro prodotto, o meglio, rendente accattivante l’esperienza che vendete e fate in modo che il vostro cliente diventi Ambassador. Come? Prima di tutto: mantenete le promesse! Che sia vero ciò che pubblicizzate perché, se il vostro cliente, sarà soddisfatto renderà – a sua volta – pubblica la sua esperienza e la condividerà con gli altri.
Condividere, appunto. Parola chiave del nostro tempo.