Arfchivio mensile: Settembre 2018

Dalla terza media alla S.p.A. La presentazione del mio libro.

Il mio libro, il mio libro, il mio libro.Ripetevo a me stesso, come un mantra, che stava per giungere il momento tanto atteso. Ripetevo questa frase nei giorni a ridosso dell’evento di presentazione ed ogni volta mi tremava il cuore. Ero colmo di gioia e di soddisfazione. La stesura del libro è stata una grande emozione e la lettura di ogni capitolo, alla fine dello sforzo creativo, mi commuoveva e mi emozionava. Rivivevo ogni passaggio della scrittura e scoppiavo di gioia.

Pensavo alla mia compagna e alla felicità che avrei dato alla mia famiglia, a mio padre e a mia madre durante l’evento. Era un groviglio di sensazioni, talmente amalgamate tra di loro che si confondevano. Sapevo che la felicità della mia famiglia era la mia. Vivere con chi si ama porta ad una condivisione talmente profonda che le sensazioni di uno si confondono nelle emozioni dell’altro, si moltiplicano, crescono e appagano in modo straordinario.

Ho fatto del mio stile di vita un metodo, recita il claim sotto il materiale pubblicitario del libro in vendita e uno dei suggerimenti più importanti si basa sulla condivisione delle emozioni e sulla capacità di vivere ogni attimo in modo profondo.  Rosita, la mia compagna e il mio team, hanno saputo rendere ogni istante incredibilmente entusiasmante. Il giorno dell’evento era una festa in ufficio: un evento nell’evento. Eravamo ansiosi di vivere la gioia tanto attesa, speranzosi che tutto andasse bene e orgogliosi perché un pezzo di vita vissuta insieme sarebbe stata di lì a poco condivisa e presentata.

La Villa Signorini nel suo incanto è stata una cornice perfetta e la presentazione, svolta all’aperto nell’ora del crepuscolo ha reso tutto ancora più magico. Tutto il mio team ha svolto il suo ruolo con commozione, dedizione e professionalità e la felicità di tutti era quasi palpabile. Rosita, perfetta nella preparazione dell’evento, ha curato ogni dettaglio sorprendendomi,  Pasquale, che da imprenditore dell’ICT, per una sera è diventato moderatore, ha dimostrato la sua grande amicizia e stima, e poi Serena, l’amica che mi ha aiutato nella stesura, davanti alla presenza di mamma e di papà non ha retto l’emozione.

Essere lì dietro al tavolo e vedere davanti a me i veri amici, venuti anche da Roma, per onorarmi della loro presenza e partire subito dopo, ascoltare le parole d’affetto del pubblico intervenuto al termine della presentazione, mi ha riempito di gioia. Vedere in sala Paolo de Vita, protagonista della mia storia mi ha reso grato. La presenza delle persone alle quali sono legato mi ha dato calore e ciò dimostra come i rapporti umani vadano sempre coltivati con amore. La mia vita è fatta di emozioni ed io non dimenticherò mai chi ha contribuito con il proprio affetto a rendere indimenticabile il giorno della presentazione del mio libro.

Grazie di vero cuore per aver reso il mio cuore colmo di felicità e di orgoglio.

Certe cose la scuola non le insegna, ma io le ho imparate lo stesso.
Gestire il denaro per esempio, saper investire, ma anche e soprattutto inseguire i propri sogni con profitto e lasciare tempo e spazio alle emozioni e agli affetti.

Tutto quello che ho imparato e costruito con le mie mani l’ho raccontato in questo mio primo libro ❤️

Mi piacerebbe che tu lo leggessi e condividessi la tua opinione -> www.vincenzoformicola.it/dalla-terza-media-alla-spa/

#VincenzoFormicola

Grazie.